Coltivazioni

Coltivazioni

La coltivazione del pomodoro fu importata in Europa dagli Spagnoli come pianta ornamentale per la vivacità dei suoi colori, il rosso scarlatto del frutto e il verde acceso delle foglie, e solo successivamente per la delizia del suo sapore.

Numerose sono le varietà comunemente coltivate sia da mensa che per produzione industriale, con frutti tondeggianti, piriformi o ovali, dalla superficie liscia o costoluta e dal colore che varia dall’arancio al rosso intenso. Oltre alla produzione a conduzione familiare per uso quotidiano o per conserve, si hanno numerose produzioni industriali in cui gli agricoltori sono ormai orientati all’uso della lotta biologica integrata, con vantaggi nella qualità finale del prodotto. Si ottengono infatti frutti genuini caratteristici per la ridotta dimensione della forma e per il loro dolcissimo sapore. Ottimi da gustare crudi ad insalata con un filo di olio d’oliva che ne valorizza le caratteristiche organolettiche, ma anche indispensabili in molti piatti e condimenti della cucina sarda.

Nelle campagne del Medio Campidano la coltivazione del pomodoro è molto diffusa, e non è raro, lungo le strade campestri vedere estesi campi colorati dai frutti maturi, in particolare nei paesi più pianeggianti come Serramanna, Samassi, Villasor dove ogni anno si svolge la Sagra del Pomodoro con degustazioni che non si limitano al solo ortaggio ma a molti dei prodotti tipici della zona.

Provenienza del pomodoro: 100% sardo

oristano

Oristano (OR)

Ettari coltivati: 100

Il suo territorio sorge nella vasta pianura del Campidano, si estende dalla costa verso le zone più interne e comprende le frazioni di Silì, Massama, Donigala Fenughedu, Nuraxinieddu, Masainas, San Quirico e Torregrande.

La storia della città è legata al periodo giudicale in cui si sviluppò nella città una delle forme statuali più originali e nobili della storia dell’Isola.

san-vero-milis

San Vero Milis (OR)

Ettari coltivati: 56

San Vero Milis è un importante centro agricolo e vinicolo, famoso per l’artigianato dei canestri.

Notevole il campanile della Chiesa parrocchiale in stile barocco. Interessanti i dintorni del paese, che comprendono un vasto settore della penisola del Sinis.

Sono importanti gli stagni di “Is Benas” e di “Sale Porcus” per le presenza dei fenicotteri.

solarussa

Solarussa (OR)

Ettari coltivati: 25

Centro agricolo situato nella valle del Tirso nel cuore del Campidano maggiore.

La fertilità del terreno rende possibile la coltivazione di numerose colture: carciofi, pomodori, angurie, meloni e olive.

Di notevole interesse artistico la chiesa romanica in trachite dedicata a San Gregorio Magno risalente al XIII secolo appartenuta ai monaci Camaldolesi.

cabras

Cabras (OR)

Ettari coltivati: 12

Cabras è un piccolo centro situato in prossimità dell’omonimo stagno.

Oggi il paese sta vivendo un forte sviluppo economico, grazie all’industria della pesca e a quello che viene chiamato “l’oro di Cabras”: la bottarga, uova di muggine essiccate che costituiscono la parte principale di molti piatti tipici.

zeddiani

Zeddiani (OR)

Ettari coltivati: 3,5

Il paese sorge su un fertile terreno caratterizzato da campi cerealicoli e vigneti che offrono prodotti rinomati.

Il paese si contraddistingue per la produzione tessile e artigianale e soprattutto per la rinomata produzione di Vernaccia.

Di notevole interesse la chiesa della Madonna delle Grazie, fondata nel XIII secolo e ricostruita nel Seicento.

serramanna

Serramanna (VS)

Ettari coltivati: 63

Il paese è posto al centro del Campidano.

È un centro ad economia prettamente agricola, basato sulla coltivazione degli agrumi, dei cereali, dei carciofi, dei pomodori, della barbabietola da zucchero, e sull’allevamento del bestiame, soprattutto ovino e suino.

La parte antica dell’abitato è caratterizzata dalle tradizionali case campidanesi.

samassi

Samassi (VS)

Ettari coltivati: 55

Samassi si trova nella provincia del Medio Campidano.

Attraversato dal Flumini Mannu, manifesta sin dalle sue origini una spiccata propensione per l’agricoltura.

Nelle sue campagne si coltivano cereali, frutta, uve per vini e ortaggi.

Prodotto principe è il carciofo violetto, per il quale ogni anno dal 1987 viene organizzata una sagra.

serrenti

Serrenti (VS)

Ettari coltivati: 5,5

Il paese di Serrenti si affaccia sulla grande pianura del Campidano.

La zona è ricca di numerosi siti di interesse artistico, naturalistico ed archeologico tra i quali i più conosciuti sono quelli nuragici in località “Nuraxi oliri”, “Bruncu su nuraxi”, e il Pozzo Sacro in località “Cuccui”.

nuraminis

Nuraminis (CA)

Ettari coltivati: 10

Paese della provincia cagliaritana, Nuraminis si caratterizza per un’importante attività agricola, soprattutto per la cerealicoltura.

Frequentato dall’uomo sin dall’antichità, il suo territorio ospita numerosi e importanti reperti archeologici, come il sito nuragico di Santa Maria, nel quale è possibile visitare un suggestivo pozzo sacro.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi